Laboratorio sull'identità

laboratorio identita 01

Arteterapiamilano.it organizza periodicamente il "Laboratorio sull'identità - La costruzione del proprio autoritratto", presso diverse sedi pubbliche o private.

È un laboratorio espressivo di formazione per chiunque sia interessato a riflettere e ad approfondire il rapporto con la propria identità attraverso del materiale fotografico personale. Può essere anche più specificatamente un laboratorio espressivo di formazione per gli artisti. Il lavoro si svolge parlando e analizzando venti/trenta fotografie rappresentative della vita di ciascun partecipante ed è condotto attraverso i metodi e le tecniche dell'arteterapia.

 

 

SVOLGIMENTO DEL LABORATORIO


La giornata sarà scandita da tre momenti distinti e integrati, attraverso la conduzione dei due terapeuti con specifiche modalità. Seguirà un momento finale di restituzione dell’intera esperienza.

PRIMO MOMENTO condotto da Giovanni Castaldi
In questa prima parte il laboratorio verte sulla narrazione di sé e della propria storia e ha come obiettivo la realizzazione di un collage, un “libro d’artista” di 5/6 cartelle, costituito dal materiale fotografico personale integrato con altre immagini tratte da ritagli di giornali e da libri, oppure da scritte pubblicitarie e da disegni, o ancora da poesie e da testi in prosa e dalla presenza dei propri oggetti personali. Il libro d’artista così ottenuto potrà essere organizzato in due modi: o sotto forma di un vero e proprio testo composto dall’assemblaggio di una serie di pagine, come descritto sopra, oppure in modo più libero e fluido, combinando il proprio materiale biografico in una installazione artistica, che potrà essere collocata sul pavimento, alle pareti, su un tavolo, ecc.
A seconda della propria sensibilità e del proprio gusto estetico, ciascun partecipante potrà usare tutto il materiale che desidera al fine di raccontare una storia che, per quanto possa sembrargli lontana, lo riguarda perché è la sua storia, il suo autoritratto.
La scelta del medium fotografico dipende dalla sua ampia diffusione sociale e dunque dalla sua presenza nella vita di ciascuno di noi e nel medesimo tempo ha a che fare con la sua estrema complessità dal punto vista percettivo e associativo. Ogni persona ha delle foto che la riguardano, nel duplice significato del verbo riguardare. Le fotografie sono lo sguardo della nostra memoria. Mi riguardano come sguardo e sono testimoni della mia esistenza passata o presente. Fino alla fotografia digitale esse testimoniavano l’esistenza di un tempo passato o presente, oggi ciò esiste più che altro come funzione soggettiva e meno come elemento di prova, aprendo nuovi spazi di riflessione sul valore della memoria e sullo statuto giuridico dei ricordi.

SECONDO MOMENTO condotto da Mona Lisa Tina
La seconda parte del laboratorio vedrà l’integrazione dei linguaggi performativi a partire da una serie di riflessioni emerse durante la realizzazione del libro d’artista. Il setting stesso, opportunamente modificato, accoglierà l’inserimento di altri oggetti simbolici che ogni partecipante potrà utilizzare. Verrà chiesto di tradurre in azione un’immagine, una fantasia, un’emozione affiorata e stimolata dal lavoro svolto nella prima parte della giornata. L’azione potrà essere agita e integrata accanto alla propria installazione o libro d’artista, interagendo con alcuni o con tutti gli elementi che la compongono, oppure modificandola ulteriormente, sottraendo o apportando altri oggetti, ciascuno in base alle proprie esigenze. Non è importante che le azioni siano strutturate in gesti o movimenti che appaiano “belli”, ciò che conta è dare corpo alle proprie emozioni in modo fluido e spontaneo.
L’obiettivo di questa parte dell’attività è di stimolare più profondamente il processo creativo di ciascun partecipante, coinvolgendo la propria dimensione corporea come espressione simbolica di sé e come strumento di comunicazione con l’altro. Favorendo l’affiorare dei sentimenti di ciascuno, attraverso la delicata presa di coscienza del proprio corpo, si desidera amplificare la consapevolezza di ciascun partecipante della propria fisicità in relazione alla propria storia e quindi al proprio autoritratto. In questo tipo di sperimentazione verranno coinvolti anche aspetti della sensorialità personale nella percezione dell’altro da sé, e dello spazio con cui il corpo interagisce, aiutando la comunicazione non verbale in modo originale e creativo. Per questo si ritiene che l’arte sia uno dei modi più semplici e più efficaci per tradurre sensazioni corporee ed emozioni attraverso il lavoro simbolico, permettendo di nominare e integrare anche le esperienze più difficili, al fine di trovare un modo più funzionale di collocarle nell’intero bagaglio storico della persona.

TERZO MOMENTO condotto da Giovanni Castaldi e Mona Lisa Tina
Questo momento rappresenta l’ultima fase del laboratorio e prevede, come consegna finale, la restituzione dell’intera esperienza. Verrà proposto di scrivere su uno o più fogli, precedentemente allestiti, un’emozione, un ricordo, un desiderio, un’immagine, che alla fine della giornata non si vuole riportare a casa, condividendo così con il gruppo le proprie impressioni e in senso più ampio i feedback di tutto il lavoro svolto.

MATERIALI DI CUI MUNIRSI
-    Fotografie rappresentative della propria vita (originali o fotocopiate).
-    Immagini provenienti da ritagli di riviste, giornali, libri o qualsiasi altro materiale utile alla costruzione del collage.
-    Oggetti personali significativi.


Giovanni Castaldi è psicoterapeuta, psicoanalista. Da trent'anni si occupa di riabilitazione psichiatrica, in particolar modo di patologie psicotiche e disturbi borderline di personalità. Nella sua esperienza clinica ha utilizzato e perfezionato varie tecniche espressive, sostenendone la funzionalità nel favorire processi di simbolizzazione e costruzione identitaria, soprattutto nei casi in cui la percezione della propria persona ed il suo inserimento in un ordinamento linguistico risultano disgregati. Dal 2009 insegna Metodi e Tecniche dell'Arteterapia presso l'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino e conduce periodicamente un workshop itinerante sul tema dell'identità e dell'autoritratto.
Nel 2008 ha fondato a Milano il Centro Disturbi Psichici, un centro di psicologia clinica e di psicoterapia, connotato da un approccio interdisciplinare e da una particolare attenzione alle nuove tecnologie della comunicazione.
Mona Lisa Tina è artista, performer e arte terapeuta (www.monalisatina.it); è laureata in Pittura presso L’Accademia di Belle Arti di Bologna e specializzata in Arte Terapia presso Art Therapy Italiana, di Bologna. Dal 2011 cura, insieme a Stefano Ferrari, il gruppo “Psicologia e arte contemporanea” della IAAP (International Association for Art and Psychology). Mona Lisa Tina conduce numerosi seminari e laboratorio incentrati sui punti fondamentali della propria ricerca artistica, le sue opere sono state presentate in mostre personali e collettive in tutta Italia.